BILANCI

ANNO 2015

 

ANNO 2016

La Caritas interparrocchiale nel corso del 2016 è intervenuta ( previo colloquio presso il nostro Centro di Ascolto ) con aiuti economici nei confronti di 23 diverse famiglie segnalate anche dai Servizi sociali del Comune di Castel San Pietro. In particolare la Caritas di Osteria Grande attraverso la partecipazione al progetto O.S.A.R.E. ( Ospitalità Sociale Assistita in Rete )è entrata a far parte della ” Rete del Coordinamento di Volontariato ( CO.VO ) di Castel San Pietro Terme in collaborazione con A.S.P. ” La tenda di Abraham ” ed altre associazioni ecclesiali e non,  si è assunta la funzione di “tutor”  di una famiglia in grave difficoltà che ha abitato per un certo periodo nella nostra parrocchia e che ci si auspica si renda autonoma in un prossimo futuro. 
Gli utenti che ogni mercoledì accedono al “Laboratorio S.Marta” per la distribuzione di vestiti, biancheria e viveri sostengono un colloquio di ingresso al servizio utile per conoscere la reale situazione umana ed economica avvalorata dai documenti richiesti e, se ne hanno la possibilità, partecipano alla gestione con piccole offerte volontarie. Di recente è stato istituito un “aiuto allo studio in Oratorio” gratuito per alunni in difficoltà, per ora ogni sabato mattina. La Caritas Diocesana attraverso il Fondo straordinario per le famiglie in difficoltà ha elargito una considerevole somma in risposta alle domande presentate e documentate per 12 famiglie delle 5 parrocchie. La Caritas interparrocchiale svolge altre numerose attività grazie all’impegno di un folto gruppo di volontari: Banco Alimentare, Carrello Amico , reperimento e preparazione di sportine con frutta e verdura eccedenti offerte dal CAAB, Tombolina domenicale, cena per il dormitorio pubblico, feste di solidarietà,……!
La particolare ed impegnativa attività del 2016 è stata l’accoglienza e l’accompagnamento di 2 rifugiati nel progetto ” Un rifugiato a casa mia “.

 

ANNO 2017

Gli accessi settimanali al “Laboratorio Caritas” sono stati 715 nel corso di tutto l’anno. Alle persone che si sono rivolte al “Laboratorio” sono stati forniti indumenti, scarpe, coperte e biancheria per la casa, pannolini e attrezzature per neonati, oggettistica per la casa, mobili usati, elettrodomestici donati. sono stati distribuiti alimenti offerti da Banco Alimentare con n.23 pacchi mensili e “sportine settimanali, in media n.16 alla settimana e per un totale di 663, di frutta e verdure forniti dal CAAB e di alimenti vari offerti da COOP Reno, Lyons Club C.S.P.T. e da privati.
A queste attività di assistenza alle famiglie in difficoltà va aggiunto un cospicuo contributo economico di 11.200 Euro dell’Ufficio Scuola della Curia Diocesana con cui vengono sostenuti negli studi 29 studenti di varie età, tra cui 2 alunni “certificati” e il costo di funzionamento del doposcuola settimanale parrocchiale, iniziato da oltre un anno, per alunni in difficoltà economica e culturale.
Il Laboratorio ha partecipato al progetto diocesano “Insieme per il lavoro”, inviando 17 curriculum di persone che hanno perso il lavoro.